Strumenti personali

Dalla nascita del progetto al suo sviluppo

Dalla nascita del progetto al suo sviluppo.

Ramiè ecocanapaIl progetto “Tessile e Sostenibilità”, nasce a seguito dello sviluppo di un progetto chiamato “Filo e Artificio”-dal territorio all'abito-, sempre realizzato da Cnr-Ibimet, in cui sono stati realizzati molti studi tecnici che mettono in relazione le fibre naturali, derivanti da piante come canapa, ginestra, ortica, lino e le loro proprietà di impiego nel settore tessile. Sono stati realizzati studi sulle loro proprietà termiche e il riutilizzo di tali fibre, che un tempo ricoprivano un ruolo fondamentale all’interno della tradizione tessile  ma anche curativa italiana, infatti i hanno peculiarità come la resistenza, la freschezza o il calore, la morbidezza etc..

Il benessere termico viene definito come una forma mentis per la quale l’uomo diviene soddisfatto anche per l’ambiente termico da cui è circondato.
Tutto ciò si ottiene quando si stabilisce un rapporto di equilibrio tra l’ambiente esterno e quello interno, della persona, che viene regolato dagli indumenti che indossiamo, pertanto è molto importante per non sprecare e danneggiare l’ambiente, utilizzare delle fibre naturali che abbiano la capacità di trasmetterci un calore  intrinseco alla fibre stessa e che ci permette di attuare un risparmio energetico che favorisca il non inquinamento ambientale e il risparmio energetico.

Filati di orticaL’abbigliamento modifica chiaramente lo stato termico della persona tramite una serie di processi legati  ai trasferimenti di calore come conduzione, convezione e irradiamento. A questo rigardo è possibile monitorare l’attività del sistema di termoregolazione  grazie al profilo temporale della temperatura e alla pressione di vapore acqueo della cute, che possono variare entro limiti ben ristretti.
La seconda fase del progetto vuole invece capire lo spazio, all’interno del mercato italiano, e dunque il suo posizionamento, nonchè l’interesse suscitato, che tali prodotti naturali possono raggiungere, grazie al lavoro di artigiani toscani, che da tempo, realizzano con le proprie mani dei prodotti unici.
Si è creata una  microfiliera, in cui attraverso alcuni processi e varie mani, vogliamo ottenere il minor spreco possibile di energie, dunque una sostenibilità all’interno del territorio toscano, che prevede una distribuzione di tali creazioni a kilometro zero.

Old FashionUn filatore-tessitore di Cutigliano, una sartoria di Firenze e  un’azienda di tessuti per la casa e un produttore del famoso tessuto casentino di Soci, si sono uniti nella speranza di lanciare un messaggio sociale attraverso i loro prodotti di altissimo livello, perchè sono creati a mano e perchè sono unici nel loro genere, grazie a colori, modelli e disegni.

Capire e dunque acquistare questi prodotti, è l’esempio di uno status symbol che prevede l’unicità, che è parte della nostra tradizione storica, purtroppo sempre più dimenticata, perchè noi, parte di un’era consumista, puntiamo all’omologazione e alla non differenziazione.

Basta camminare per le strade delle nostre città e noteremo sempre di più, che c’è sempre più uguaglianza estetica tra le persone e che chi ha il coraggio di distinguersi, viene considerato “uno strano elemento”, il messaggio che vorremo che passasse è che rendersi unici, attraverso la scelta di un prodotto particolare da indossare, è una scelta fiera e coraggiosa.

Storia
 
Logo Fondazione Clima & Sostenibilita Logo CNR IBIMET